Quelli della bombetta!

Special guest da Tuttaunaltracosa 2013

gli amici di “Quelli della bombetta” tornano a Ferrara!

(Lo staff di Tuttaunaltracosa aggiunge solo, alla loro descrizione… PROVARE PER SVENIRE!!!)

 

La “bombetta” nasce circa quarant’anni fà ad opera di alcuni macellai di Martina Franca in Valle d’Itria, per diffondersi nell’arco di questi anni su tutto il territorio della Murgia; territorio compreso tra le province di Bari, Brindisi e Taranto, nel cuore della Puglia; viene proposta come specialità da infilzare negli spiedi per la cottura alla brace o più tipicamente al fornello.

Le macellerie le propongono in maniera differenti tra loro: chi impanata, chi piccante, chi con ripieno di scamorza, di mozzarella e chi più ne ha più ne metta…

A noi di “Quelli della bombetta” piace definirla e poterla mangiare così com’è nata: è  un fagottino di capocollo fresco di maiale ripieno di formaggio vaccino (canestrato Pugliese), prezzemolo, sale e pepe.

Con la cottura, il formaggio all’interno tende a fondersi concentrandone il gusto.

Mangiandoli appena cotti creano in bocca una vera e propria esplosione di sapori.

 

The “bombetta” was founded forty years ago by some butchers in Martina Franca, Valle d’Itria, to spread over the years across the Murgia region, the area between the provinces of Bari, Brindisi and Taranto, in heart of Puglia, is proposed as a stab in the specialties skewers for grilling or more typically the stove.

Butchers in the proposed manner different from each other: who breaded, who spicy, some stuffed with smoked cheese, mozzarella and so on and so forth…

We at “Quelli della bombetta” like to call and be able to eat as it is born: a bundle of capocollo fresh pork stuffed with cottage cheese (canestrato Pugliese), parsley, salt and pepper.

With cooking, the cheese tends to melt in concentrating the flavor.

Eating them freshly cooked in the mouth create a real explosion of flavors.

Condividi!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedIn